Ingressi nei seminari della Fraternità

FSSPX News

L’entrata in seminario per la Fraternità San Pio X, che avviene all’inizio di ottobre nell’emisfero nord e in marzo nell’emisfero sud, è avvenuta ed è chiaro che la Provvidenza quest’anno ha benedetto la nostra Fraternità. Il numero dei nuovi seminaristi nel primo anno o anno di spiritualità è così suddiviso per seminario:

Seminario Saint Thomas Aquinas, Dillwyn, USA28 ingressi: 25 americani, 2 canadesi e 1 brasiliano.Seminario Herz-Jesu, Zaitzkofen, Germania

21 ingressi: 9 polacchi, 6 tedeschi, 2 croati, 1 austriaco, 1 danese, 1 ungherese e 1 olandese.

Questo è il numero di ingressi più importante in questo seminario dalla sua creazione. A causa della crescita delle vocazioni negli ultimi anni, la capacità di accogliere i candidati ha raggiunto il suo limite e il Seminario del Sacro Cuore deve considerare un ampliamento. Continua a leggere

—————————————————————————-

Per la PAV la contraccezione è un male solo quando è abortiva

CR1765-Foto-02

Fabio Fuiano – Corrispondenza Romana

Lo scorso luglio è stato pubblicato un nuovo libro di ben 528 pagine, a cura di Mons. Vincenzo Paglia, presidente della Pontificia Accademia per la Vita (PAV), intitolato Etica teologica della vita. Scrittura, tradizione, sfide pratiche (Libreria Editrice Vaticana), che raccoglie gli atti di un seminario di studio promosso dalla medesima Accademia. In esso, tra i vari argomenti trattati, riemerge nuovamente un tema particolarmente ostico, quello della contraccezione. Prendendo spunto dall’enciclica Amoris Laetitia, a p. 304 di questo studio si legge: «La responsabilità nella generazione richiede un discernimento pratico che non può coincidere con l’applicazione automatica e l’osservanza materiale di una norma, come è evidente nella pratica stessa dei metodi naturali. […] Ci sono infatti condizioni e circostanze pratiche che renderebbero irresponsabile la scelta di generare […]»Continua a leggere

—————————————————————————–

L’arma della “libertà di espressione”

CR1765-Foto-03

Mauro Faverzani – Corrispondenza Romana

La Corte europea dei Diritti dell’Uomo le ha dato ragione: così una “Femen” si vedrà risarcire dalla Giustizia francese 9.800 euro a seguito della condanna subita per aver profanato nel 2013 la chiesa di Santa Maria Maddalena, a Parigi.

Quel giorno la donna, in topless, con indosso una corona di spine ed un velo azzurro, si pose davanti all’altare ed al tabernacolo, tenendo tra le mani due pezzi di fegato di bue, per simulare l’aborto di Cristo da parte della Vergine. Sul suo petto era scritto «Il Natale è cancellato» ed altri slogan blasfemi. Continua a leggere

————————————————————————–

Rinnovato l’Accordo sui vescovi, ma Pechino rende difficile la vita ai cattolici cinesi

P. Gianni Criveller – Asia News

Intorno al secondo rinnovo dell’Accordo tra la Santa Sede e la Repubblica popolare cinese sulla nomina dei vescovi, particolarmente dolorosa è la vicenda della registrazione civile per i membri della chiesa ufficiale e per i presbiteri e vescovi appartenenti alle comunità non registrate (dette anche sotterranee in lingua cinese) che desiderano uscire dalla “clandestinità”. Senza tale registrazione sono impossibili le attività pastorali nella chiesa aperta. Il governo ha deciso di richiedere tale registrazione alle persone (e non solo ai luoghi di culto, come avveniva prima) dopo che è stato firmato l’Accordo. Il testo della dichiarazione da firmare include l’affermazione dell’indipendenza della Chiesa cattolica in Cina. Vescovi e presbiteri sono messi sotto pressione dalle autorità con l’affermazione, assolutamente falsa, che l’Accordo segreto con la Santa Sede incoraggia tale registrazione. Il fatto che il testo rimanga segreto ha anche questo risvolto negativo per i cattolici cinesi: essi non possono contestare la versione che di esso danno funzionari senza scrupoli. Continua a leggere

————————————————————————-

95 Bandiere per la pace liturgica

Chiesa e postconcilio
Tra una settimana circa avrà luogo l’XI Pellegrinaggio internazionale Populus Summorum Pontificum (Roma, 28 – 30 ottobre), in occasione del quale i coetus fidelium di tutto il mondo convergono a Roma per testimoniare il loro amore per la liturgia tradizionale e, in processione ad sedem Petri, la loro fedeltà alla Santa Chiesa Cattolica [vedi].
Riportiamo di seguito la Comunicazione di Christian Marquant, presidente del Coetus internationalis Summorum Pontificum (CISP), che spiega il significato di uno degli aspetti più significativi del Pellegrinaggio: il garrire di 95 bandiere che «rappresentano i 95 paesi dove oggi si celebra la liturgia dei secoli, illustrando così il carattere universale di questo legame liturgico». Continua a leggere

 

 

 

Facebook
WhatsApp
Twitter
LinkedIn
Stampa
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Mettiti in contatto con noi!

Hai delle domande o delle osservazioni da comunicarci?
Ti risponderemo il più rapidamente possibile!

Europa Cristiana

Direttore Carlo Manetti

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Ogni settimana riceverai i nostri aggiornamenti e non di più.

Torna su