17 dicembre 1973: Un gruppo di terroristi palestinesi attacca un aereo della Pan Am all’Aeroporto di Fiumicino provocando 32 vittime.

Un commando di cinque terroristi palestinesi, arrivato all’aeroporto di Fiumicino con un volo dalla Spagna, irruppe nello scalo con armi ed esplosivi fra i passeggeri in attesa di imbarcarsi. Vennero sparate raffiche di mitra tra la folla, presi in ostaggio sei agenti e lanciate una bomba al fosforo e due granate dirompenti all’interno di un Boeing 707 della Pan Am diretto a Teheran, via Beirut, fermo in una piazzola di parcheggio con 56 passeggeri a bordo. Morirono in 29 in quella trappola, ustionati o soffocati. Subito dopo i terroristi si impossessarono di un jumbo della Lufthansa pronto al decollo. Fu una strage, rimasero a terra 32 persone, tra cui 6 italiani, 5 civili e il giovane finanziere appena ventenne Antonio Zara, che tentò di opporsi alla fuga dei terroristi, ma uno di loro lo uccise con una raffica di mitra che lo raggiunse alla schiena.

 

 

Facebook
WhatsApp
Twitter
LinkedIn
Stampa
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Mettiti in contatto con noi!

Hai delle domande o delle osservazioni da comunicarci?
Ti risponderemo il più rapidamente possibile!

Europa Cristiana

Direttore Carlo Manetti

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Ogni settimana riceverai i nostri aggiornamenti e non di più.

Torna in alto