A Colonia i muezzin al posto delle campane

Chiesa e post concilio
.
Ogni venerdì (L’articolo è di ottobre  2021; le conseguenze non si sono fatte attendere. Vedi in calce e foto a lato -ndr) gli altoparlanti delle 35 moschee della città tedesca diffonderanno a tutto volume il canto del muezzin. Il più grande islamologo cattolico vivente, Samir Khalil Samir, definisce la pratica «uno strumento di propaganda inammissibile»
Nelle 35 moschee di Colonia, in Germania, i muezzin potranno alzare a tutto volume gli altoparlanti rivolti verso la città e chiamare alla preghiera. Sabato scorso il permesso è stato accordato, solo per il venerdì, dal sindaco della città, Henriette Reker. Continua a leggere
.
_______________________________________________

La versione russa: le immagini di Bucha sono un’altra provocazione

versione russa cosa sarebbe realmente successo Bucha

AGI

Per il ministero della Difesa di Mosca, si tratta di foto e video “costruiti a tavolino da Kiev a beneficio dei media occidentali”. L’emittente dell’oligarca ortodosso Konstantin Malofeev prova a smontare quella che definisce una “fake news”.

Quello che il governo di Kiev ha definito “massacro deliberato” di civili a Bucha e su cui l’Ue potrebbe decidere di far scattare un nuovo round di sanzioni contro Mosca, sui media russi che appoggiano il Cremlino è già presentato come una “fake news” costruita dall’Ucraina per avere più armi dall’Occidente.

“Tutte le fotografie e i materiali video pubblicati dal regime di Kiev, che mostrano una sorta di ‘crimini’ da parte del personale militare russo nella città di Bucha, nella regione di Kiev, sono un’altra provocazione”. Lo ha affermato il ministero della Difesa russo secondo quanto riporta Ria Novosti. “Durante il periodo in cui Bucha era sotto il controllo delle forze armate russe, nessun residente locale ha subito azioni violente”, ha affermato. Continua a leggere

_______________________________________________

Covid, gestione dell’emergenza sanitaria lascia macerie sociali e costituzionali

covid virus

Vincenzo Baldini – ImolaOggi.it

Seppure la fase della pandemia non sembra mai avere una fine (si parla, ora, di una nuova variante) può farsi un primo, parziale bilancio sugli aspetti di maggior rilievo critico che l’emergenza sanitaria da poco cessata consegna alla riflessione, non solo scientifica. Il primo, consiste nella percezione di un assoluto scollamento tra la strategia di prevenzione posta in essere dal Governo, che ha comportato pesanti limiti all’esercizio di diritti fondamentali, e la necessaria forza democratica per assumerle. Né molti componenti dell’Esecutivo, né tanto meno, il Presidente del Consiglio dei Ministri, sono stati gratificati dal voto popolare.
Se la risposta a tale considerazione è il richiamo apodittico alla forma di governo parlamentare, l’obiezione è che questa esperienza evidenzia, allora, una strutturale debolezza di tale assetto di governo, per la sopravvenuta carenza di quei presupposti reali su cui si fonda il suo buon rendimento democratico.

La democrazia rappresentativa, in altre parole, per funzionare richiede la presenza di soggetti politici in grado di proporsi come forme autentiche della mediazione democratica. Ma la situazione dei partiti politici, oggi, non è corrispondente a tale premessa, complice anche un sistema elettorale che ha finito nella sostanza per spossessare il cittadino-elettore del potere di scelta reale di uomini e mezzi della politica di governo. Continua a leggere

_______________________________________________________

Sinistra in lacrime perché il popolo ungherese vota Orban

Sinistra Orban

Francesco Storace – 7Colli

Quando si vota, per la sinistra italiana è sempre un brutto giorno e ieri glielo ha confermato Viktor Orban, dall’Ungheria. Non si riprenderanno dallo choc: fuori Italia c’è democrazia, il popolo vota.

Aveva contro l’Europa. L’opposizione dell’Ungheria si era tutta coalizzata contro Orban. Ma per la quarta volta consecutiva – la quinta in totale – il premier è ancora lui. Che non vuole trascinare in guerra il suo popolo pur dicendo sì alle sanzioni contro la Russia di Putin.  Sinistra triste: rivince Orban. Ci auguriamo che Ursula Von der Leyen la smetta di denigrare chi ha il consenso del suo popolo e semmai voglia indirizzargli le sue congratulazioni. Anche l’Ungheria è Europa e il suo popolo va rispettato. Continua a leggere

________________________________________________

Bucha, “i morti sono comparsi dopo l’arrivo dei servizi di sicurezza ucraini”

Bucha

ImolaOggi.it

La portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova, citata dall’agenzia Tass ha affermato che l’obiettivo del “crimine commesso dal regime di Kiev” nella città di Bucha e’ quello di “interrompere i colloqui di pace e intensificare la violenza”. Zakharova ha osservato che la Russia aveva richiesto una riunione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite sull’incidente, che ha definito “una provocazione messa in scena dall’esercito ucraino e dai nazionalisti radicali”. Continua a leggere

____________________________________________________

Bucha, 31 marzo: sindaco rientrato in città non denunciò alcun massacro

bucha

Giorgio Bianchi (https://t.me/giorgiobianchiphotojournalist/13636) – ImolaOggi.it

Tutte le unità russe si sono completamente ritirate da Bucha il 30 marzo, il giorno dopo il round di colloqui cia a faccia tra Russia e Ucraina in Turchia.

– Il sindaco della città di Bucha, Anatoly Fedoruk, nel suo videomessaggio del primo di aprile sul canale “Ukraina 24”, non fa alcun riferimento ai morti per le strade. Anzi, sembra molto felice di essere potuto rientrare in città e per nulla sconvolto.
“Cari amici! Il 31 marzo è una bellissima giornata della liberazione dagli occupanti russi” dice nell’incipit del suo discorso.
È alquanto singolare che qualcuno si esprima con toni così entusiastici di fronte ad uno spettacolo apocalittico come quello rappresentato in queste ore da tutti i media, con le strade della città letteralmente disseminate di civili morti.

 

 

Facebook
WhatsApp
Twitter
LinkedIn
Stampa
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Mettiti in contatto con noi!

Hai delle domande o delle osservazioni da comunicarci?
Ti risponderemo il più rapidamente possibile!

Europa Cristiana

Direttore Carlo Manetti

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Ogni settimana riceverai i nostri aggiornamenti e non di più.

Torna su