Dopo Bergamo Pride, l’ “Opera” Lgbtqia+ da 500 mila euro

CR1748-Foto-02

Mauro Faverzani – Corrispondenza Romana

Ancora non s’è spenta l’eco delle polemiche conseguenti al Bergamo Pride, “celebrato” con tanto di sigle di partito (tutte di Sinistra) presenti tra i promotori, nel corteo e sul palco, peraltro infischiandosene e calpestando il silenzio pre-elettorale, che già l’universo Lgbtqia+ torna alla carica e continua a far parlare di sé nel capoluogo orobico e sulla stampa.

Da L’Eco di Bergamo dello scorso 17 giugno, infatti, si è appreso delle fratture interne al consiglio d’amministrazione della Fondazione Teatro Donizetti dopo la proposta del direttore artistico del Festival Donizetti Opera, Francesco Micheli, di realizzare un’opera lirica dedicata a Raffaella Carrà. Le divisioni verterebbero sui costi, particolarmente importanti, e sul taglio «sfidante e innovativo» – ma meglio sarebbe dire forzosamente provocatorio –, che si vorrebbe dare a questo lavoro, totalmente slegato dal contesto del Donizetti Opera e dalla tradizione e identità bergamasca, proprio nell’anno in cui – oltre tutto – la città, assieme a Brescia, viene chiamata ad essere capitale italiana della cultura.  Continua a leggere

—————————————————————–

Biden contro il no della Corte Suprema all’aborto. Per i gesuiti Usa una decisione positiva

usa corte suprema revoca diritto aborto

AGI

La Corte Suprema americana ha cancellato la storica sentenza Roe v. Wade che per oltre 50 anni aveva protetto il diritto all’aborto. Ora gli Stati sono liberi di vietare l’interruzione di gravidanza.

Si tratta di un “terremoto costituzionale” che avrà conseguenze sugli anni a venire.

Biden, brutta giornata per americani e Paese

“La Corte Suprema sta letteralmente riportando l’America indietro di 150 anni. Questo e’ un giorno triste per gli americani e il Paese”: lo ha detto il presidente Usa, Joe Biden, commentando la sentenza della Corte Suprema di annullare il diritto costituzionale all’aborto.

“Sono stati tre giudici nominati da un presidente, Donald Trump, quelli al centro della decisione odierna (della Corte Suprema) di eliminare un diritto fondamentale delle donne in questo Paese”, ha detto Biden; decisione che il presidente Usa ha definito “un tragico errore”.  Continua a leggere

———————————————————————-

Sentenza aborto Usa, ira di Barack Obama

Barack Obama

Imola Oggi.it

Un attacco alla libertà. Così in un tweet l’ex presidente degli Stati Uniti Barack Obama definisce la  sentenza che conferisce ora ai singoli stati il potere di stabilire le proprie leggi sull’aborto.

“Oggi la Corte suprema non solo ha annullato quasi 50 anni di precedenti, ha relegato la decisione più intensamente personale che qualcuno possa prendere ai capricci di politici e ideologi, attaccando le libertà essenziali di milioni di persone”, ha scritto.

———————————————————————————-

Per Biden la decisione della Corte Suprema sull’aborto è un «tragico errore»

Il Post

ha definito la sentenza che elimina il diritto di interruzione di gravidanza a livello federale «il compimento dii un’ideologia estrema». Venerdì il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha criticato molto duramente la contestatissima decisione con cui la Corte Suprema ha eliminato il diritto all’aborto a livello federale, ribaltando la sentenza che dal 1973 garantiva l’accesso all’interruzione di gravidanza su tutto il territorio nazionale, conosciuta come “Roe v. Wade”. In un breve discorso tenuto alla Casa Bianca, Biden ha definito la decisione della Corte «un tragico errore» e ha detto che il suo governo farà di tutto per fare in modo che il diritto di accesso all’aborto venga tutelato. Continua a leggere

 

 

 

 

 

Facebook
WhatsApp
Twitter
LinkedIn
Stampa
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Mettiti in contatto con noi!

Hai delle domande o delle osservazioni da comunicarci?
Ti risponderemo il più rapidamente possibile!

Europa Cristiana

Direttore Carlo Manetti

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Ogni settimana riceverai i nostri aggiornamenti e non di più.

Torna su