29 marzo 1918: nel cielo di Ponte di Piave il maresciallo pilota Ernesto Cabruna da Tortona affronta da solo undici aerei nemici, abbatte il capo pattuglia e disperde i rimanenti

 

Il combattimento aereo di Ponte di Piave del 29 marzo 1918, fece ottenere al maresciallo dell’Arma dei Carabinieri  Ernesto Cabruba (1889-1960), il 4 aprile successivo, la promozione a sottotenente, avuta, per suo espresso desiderio, in commutazione della Medaglia d’Oro al V.M. In quell’occasione, infatti, attaccò da solo una formazione austro-ungarica composta da un bombardiere scortato da dieci caccia, riuscendo ad abbattere il capostormo. Gli altri aerei rinunciarono alla missione e tornarono indietro. A ricordo di questa impresa Achille Beltrame disegnò, in onore dell’eroe italiano, la copertina a colori della Domenica del Corriere (n. 36) dell’ 8 – 15 settembre 1918, intitolata Uno contro undici.

 

 

Facebook
WhatsApp
Twitter
LinkedIn
Stampa
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Mettiti in contatto con noi!

Hai delle domande o delle osservazioni da comunicarci?
Ti risponderemo il più rapidamente possibile!

Europa Cristiana

Direttore Carlo Manetti

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Ogni settimana riceverai i nostri aggiornamenti e non di più.

Torna su