6 marzo 1853:  La Traviata di Giuseppe Verdi su libretto di Francesco Maria Piave debutta al Teatro La Fenice di Venezia 

 

L’opera ebbe un pessimo risultato, scrisse Giuseppe Verdi stesso che fu un «fiascone, e peggio hanno riso».  come scrisse lo stesso Verdi. L’opera si svolge in tre atti e si basa su La signora delle camelie, opera teatrale di Alexandre Dumas (figlio), che lo stesso autore trasse dal suo precedente omonimo romanzo. Viene considerata parte di una cosiddetta « trilogia popolare» di Verdi, insieme a Il trovatore e a Rigoletto.

Fu in parte composta nella villa degli editori Ricordi a Cadenabbia, sul lago di Como. La prima rappresentazione, a causa di interpreti carenti e/o per il soggetto allora considerato scabroso, non si rivelò il successo che l’autore si attendeva. Fu nuovamente messa in scena il 6 maggio dell’anno successivo ancora a Venezia, ma al Teatro San Benedetto e in una versione rielaborata e con interpreti più validi, come Maria Spezia Aldighieri. L’opera fu diretta dal compositore ed ebbe un grande successo.

Secondo i dati pubblicati da Operabase nel 2013 è l’opera più rappresentata al mondo nelle ultime cinque stagioni, con 629 recite.

 

 

Facebook
WhatsApp
Twitter
LinkedIn
Stampa
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Mettiti in contatto con noi!

Hai delle domande o delle osservazioni da comunicarci?
Ti risponderemo il più rapidamente possibile!

Europa Cristiana

Direttore Carlo Manetti

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Ogni settimana riceverai i nostri aggiornamenti e non di più.

Torna su