18 febbraio 1925: Giovanni Treccani fonda l’Istituto dell’Enciclopedia Italiana, l’istituto pubblicherà, dal 1929 al 1937, l’Enciclopedia Italiana, costituita da 35 volumi di testo e uno di indici. Sarà la prima grande enciclopedia biografica italiana

L’Istituto fu fondato a Roma il 18 febbraio 1925 dall’imprenditore Giovanni Treccani e dal filosofo Giovanni Gentile con il nome di Istituto Treccani. Oltre al fondatore, che ne era anche il presidente, ne facevano parte: l’editore Calogero Tumminelli quale direttore editoriale, il filosofo Giovanni Gentile in qualità di direttore scientifico, il linguista Antonino Pagliaro come capo redattore, Gian Alberto Blanc, Pietro Bonfante, il maresciallo d’Italia Luigi Cadorna, il ministro Alberto De Stefani, lo storico Gaetano De Sanctis, l’economista Luigi Einaudi, il pittore Vittorio Grassi, il medico Ettore Marchiafava, il giurista Silvio Longhi, il già citato Ferdinando Martini, il giornalista Ugo Ojetti, lo storico Francesco Salata, il giurista Vittorio Scialoja, l’economista Angelo Sraffa, l’ammiraglio Paolo Thaon di Revel, Tommaso Tittoni.

La prima edizione dell’Enciclopedia Italiana, costituita da 35 volumi di testo e uno di indici, venne pubblicata dal 1929 al 1937. Fu un grande successo e la sua storia continua ancora oggi. Il 30 maggio 2009 è stato ufficializzato un accordo raggiunto tra il Ministro per la Pubblica Amministrazione e l’InnovazioneRenato Brunetta e l’Istituto della Enciclopedia Italiana.

Gentile a palazzo Venezia presenta a Mussolini i volumi dell’Enciclopedia Italiana nel 1937

 

 

Facebook
WhatsApp
Twitter
LinkedIn
Stampa
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Mettiti in contatto con noi!

Hai delle domande o delle osservazioni da comunicarci?
Ti risponderemo il più rapidamente possibile!

Europa Cristiana

Direttore Carlo Manetti

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Ogni settimana riceverai i nostri aggiornamenti e non di più.

Torna su