Il 1° febbraio scorso le Forze Armate birmane hanno compiuto l’ennesimo colpo di Stato, sostituendo al regime parlamentare quello militar-comunista. Al di là delle considerazioni sui diritti umani e sulle libertà violate, si pone il problema di  quanto questo atto muti gli assetti geopolitici dell’area.

 

 

 

Facebook
WhatsApp
Twitter
LinkedIn
Stampa
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Mettiti in contatto con noi!

Hai delle domande o delle osservazioni da comunicarci?
Ti risponderemo il più rapidamente possibile!

Europa Cristiana

Direttore Carlo Manetti

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Ogni settimana riceverai i nostri aggiornamenti e non di più.

Torna su