14 settembre 1982: 40 anni fa moriva Grace Kelly Principessa di Monaco

 

 

Grace Patricia Kelly, più conosciuta come Grace Kelly, simbolo di eleganza per un’intera generazione, nacque il 12 novembre 1929 a Filadelfia, terza di quattro figli. Dopo essersi diplomata alla scuola superiore, si recò a New York per frequentare l’American Academy of Dramatic Arts. Qui, dopo aver ottenuto il diploma, apparve in varie produzioni televisive e teatrali. la sua prima grande prova d’artista arriva nel 1952 nel leggendario «Mezzogiorno di Fuoco», dove la giovane attrice interpretava l’altrettanto giovane moglie di uno sceriffo (impersonato da Gary Cooper). Il suo film successivo le procurò un contratto con l’importante casa di produzione MGM: il film in questione era «Mogambo» (1953), e il coprotagonista Clark Gable.

Diventata star internazionale, Grace cattura l’attenzione del maestro della suspense, Alfred Hitchcock. E fu proprio il grande regista a scoprire e valorizzare in pieno il suo talento quando, un anno dopo, le affidò il ruolo di protagonista in «Delitto Perfetto». In seguito, girano insieme anche «La finestra sul Cortile» e «Caccia al Ladro». Il successo dei film del Maestro del brivido, la sua presenza scenica e la sua algida bellezza le fruttarono il soprannome di «Ghiaccio bollente». Nel 1954 vinse l’Oscar come migliore attrice per la propria interpretazione nel film nella «Ragazza di Campagna» di George Seaton. «Caccia al ladro» venne interamente ambientato sulla Costa Azzurra, luogo del suo futuro e il luogo della scena della fuga ad alta velocità sull’automobile, diventerà lo stesso della sua morte.

Durante la sua successiva partecipazione al film festival di Cannes, Grace venne invitata ad un incontro con il Principe Ranieri di Monaco, il quale si innamorò di Grace e fce di tutto per conquistarla, coprendola di attenzioni e di lettere d’amore. Entro la fine di quello stesso anno venne ufficialmente annunciato il loro fidanzamento: era il 5 gennaio del 1956.

La Mgm, la Casa cinematografica americana di maggior successo, le chiese di girare un altro film, «High Society» e l’esclusiva sulle riprese del suo matrimonio. All’inizio del 1956 Grace girò quindi il suo ultimo film non solo con la Mgm ma in assoluto la commedia musicale con Bing Crosby e Frank Sinatra. Il matrimonio venne fissato per il mese di aprile e la Kelly diede per sempre l’addio al Cinema per salpare verso il Principato di Monaco.

Dai tratti aristocratici, il portamento regale e il glamour straordinario, Grace divenne presto un modello da imitare per le ragazze dell’America degli anni cinquanta. E lo diventò ancor più quando sposò appunto Ranieri. Il fastoso matrimonio venne fissato per la primavera e segnarono l’addio di Grace non solo al set ma anche all’America. Le loro furono definite dalla stampa di tutto il mondo “le nozze del secolo”. La cerimonia civile venne celebrata il 18 aprile, mentre quella religiosa il giorno successivo in St. Nicholas Church. da quel giorno Grace divenne per tutto il mondo la Principessa Grace di Monaco.

Il 23 Gennaio 1957 diede alla luce Caroline, mentre l’anno successivo, il 14 marzo, nacque il Principe Alberto e sette anni dopo, il 1° febbraio, nacque Stephanie. Le due figlie avranno temperamenti ribelli. Il 13 settembre 1982, Grace e Stephanie ebbero un tragico incidente stradale, alla guida era la figlia e si dirigevano dalla Francia a Monaco. Stephanie riuscì a uscire in tempo dalla vettura precipitata in un pendio, a differenza della madre: era già in coma quando fu trasportata in ospedale, dove morì 36 ore dopo a 52 anni.

 

 

Facebook
WhatsApp
Twitter
LinkedIn
Stampa
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Mettiti in contatto con noi!

Hai delle domande o delle osservazioni da comunicarci?
Ti risponderemo il più rapidamente possibile!

Europa Cristiana

Direttore Carlo Manetti

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Ogni settimana riceverai i nostri aggiornamenti e non di più.

Torna su